MMB DATA s.r.l.



Oggetto: principali novità fiscali sulla legge di stabilità 2016





I N D I C E
1. NOVITA’ IN MATERIA DI IMPOSTE DIRETTE. RELATIVE A PROFESSIONISTI E IMPRESE
1. Riduzione aliquota IRES ............................................................................................................04
2. Maxi ammortamenti ....................................................................................................................04
3. Modello 770 e certificazione unica................................................................................................05
4. Ammortamento avviamento .........................................................................................................06
5. Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni ...............................................................................06
b. RELATIVE A PERSONE FISICHE
1. Proroga detrazioni IRPEF ...........................................................................................................07
2. Bonus mobili per giovani coppie .................................................................................................07
3. Detrazioni per riqualificazione energetica ......................................................................................08
4. Altre detrazioni IRPEF ................................................................................................................08
5. Detrazione leasing per abitazioni principali ....................................................................................09
6. Detrazione IVA per acquisto immobili residenziali .........................................................................09
7. Credito d’imposta per sistemi di videosorveglianza .......................................................................09
8. Rivalutazione terreni e partecipazioni ............................................................................................10
9. Aumento detrazioni IRPEF redditi da pensione .............................................................................10
10. Modello 730 precompilato...........................................................................................................11

2. NOVITA’ IN MATERIA DI TRIBUTI LOCALI. NOVITÀ I.M.U.

1. IMU terreni agricoli .......................................................................................................................13
2. Esenzione IMU coltivatori diretti e IAP ..........................................................................................13
3. Pubblicazione delibere ..................................................................................................................13
4. Riduzione IMU immobili in comodato ai figli .................................................................................13
5. Esenzioni IMU cooperative ...........................................................................................................14
6. Riduzione IMU immobili a canone concordato ..............................................................................14
b. NOVITÀ T.A.S.I
1. Esenzione TASI per abitazione principale ......................................................................................14
2. Fabbricati invenduti da imprese costruttrici ....................................................................................14
3. Misura di maggiorazione delle aliquote ..........................................................................................15
4. Pubblicazione delibere ..................................................................................................................15
c. ALTRE NOVITÀ
1. Blocco aumenti tributi locali e addizionali ......................................................................................15
2. TARI ..........................................................................................................................................15
3. Imposta comunale sulla pubblicità .................................................................................................15

3. NOVITA’ IN MATERIA DI IRAP

1) ULTERIORE DETRAZIONE IRAP ..............................................................................................16
2) DEDUZIONE IRAP LAVORATORI STAGIONALI .....................................................................16
3) IRAP MEDICI ..............................................................................................................................16

4. NOVITA’ IN MATERIA DI IVA

1) RINVIO AUMENTO ALIQUOTE IVA ..........................................................................................17
2) NOTE DI VARIAZIONE IVA ........................................................................................................17
3) ESTENSIONE REVERSE CHARGE .............................................................................................18
4) IVA COOPERATIVE SOCIALI .....................................................................................................19

5. NOVITA’ IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI

1) REGIME FORFETTARIO IMPRESE MINORI ..............................................................................20
2) ASSEGNAZIONE AGEVOLATA BENI D’IMPRESA ....................................................................22
3) ESCLUSIONE IMMOBILI STRUMENTALI DI IMPRESE INDIVIDUALI .....................................22
4) AGEVOLAZIONI CONTRATTI DI LEASING IMMOBILI ABITATIVI .........................................23
5) INCENTIVI ALLA ROTTAMAZIONE DEI VEICOLI .....................................................................23

6. ULTERIORI NOVITA’

1) PROMOTORI E CONSULENTI FINANZIARI ...............................................................................24
2) COMPENSAZIONI CARTELLE ESATTORIALI ...........................................................................24
3) INCREMENTO TERMINI DI ACCERTAMENTO IMPOSTE DIRETTE E IVA .............................24
4) ENTRATA IN VIGORE NORMATIVA SULLE SANZIONI TRIBUTARIE ....................................24
5) NOTIFICA ATTI VOLUNTARY DISCLOSURE ............................................................................25
6) RATEAZIONE DEBITI TRIBUTARI ..............................................................................................25
7) CANONE RAI ................................................................................................................................26
8) DETASSAZIONE PREMI SU INCREMENTO PRODUTTIVITÀ ....................................................26
9) ALIQUOTA GESTIONE SEPARATA INPS ....................................................................................27
10) NUOVI LIMITI ALL’UTILIZZO DEL CONTANTE .......................................................................27
11) PAGAMENTI ELETTRONICI .......................................................................................................28
12) PRELIEVO ERARIALE UNICO SU SLOT MACHINE ..................................................................28
13) CARD PER ACQUISTI CULTURALI DICIOTTENNI ...................................................................28
14) DUE PER MILLE ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI ................................................................28
15) IVIE – ESENZIONE PER LA PRIMA CASA ..................................................................................29
16) RENDITA CATASTALE IMMOBILI A DESTINAZIONE SPECIALE (D – E) ................................29
17) ACQUISTO PRIMA CASA PRIMA DELL’ALIENAZIONE DELL’ABITAZIONE ..........................30
18) ALIQUOTE CONTRIBUTIVE GESTIONE SEPARATA INPS .......................................................30
19) PROROGA SGRAVI CONTRIBUTIVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ..........31


1. NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE DIRETTE

A. RELATIVE AD IMPRESE E PROFESSIONISTI
1.a.1.Riduzione aliquota IRES (commi 61-62)- Rispetto alla versione “originaria” del testo, viene eliminata la proposta di ridurre, in via
transitoria, l'aliquota IRES al 24,5%, con effetto già dal 2016 per i soggetti solari; con riferimento a tale periodo continueranno, quindi, ad applicarsi le aliquote vigenti.
La riduzione dell'aliquota opera, invece, "a regime", a decorrere dal 1° gennaio 2017, con effetto per i periodi d’imposta successivi a quello in corso al 31/12/2016, nella misura del 24%.
Resta ferma la disposizione che demanda ad un decreto la rideterminazione:
¨ della percentuale di concorrenza al reddito imponibile di dividendi/plusvalenze (ora pari a 49,72%)
¨ della percentuale di utili percepiti dagli enti non commerciali (ora pari al 77,74%) che non
concorre alla formazione del reddito degli stessi (art. 4, DLgs.344/03).
1.a.2.Maxi ammortamenti (comma 91 - 94 e 97)
Al fine di incentivare gli investimenti, per imprese e lavoratori autonomi è prevista una maggiorazione percentuale del 40% del costo fiscalmente riconosciuto dei beni strumentali
“nuovi”, acquistati in proprietà o in leasing dal 15/10/2015 al 31/12/2016. In tal modo, ai fini Ires/Irpef, è possibile imputare nel periodo d'imposta quote di ammortamento e di canoni di
locazione più elevati. Sono esclusi dall’incremento gli investimenti:
¨ in beni materiali strumentali per i quali il DM 31/12/88 stabilisce un coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5%;
¨ in fabbricati e costruzioni;
¨ in beni indicati in apposito allegato e riguardanti industrie manifatturiere alilmentari, dell’energia elettrica, gas e acqua, ferrovie e trasporti aerei.
Per individuare il momento in cui l’investimento è realizzato – e, quindi, se lo stesso rientri o meno nel periodo agevolato – occorre fare riferimento ai criteri generali del TUIR; pertanto:
¨ le spese di acquisizione dei beni si considerano sostenute, per i beni mobili, alla data di consegna o spedizione (ovvero, se diversa e successiva, alla data in cui si verifica l’effetto traslativo della
proprietà);
¨ analogo principio vale per gli investimenti in beni strumentali da parte dell’artista/professionista, posto che, ai fini della determinazione del reddito di lavoro autonomo, i beni strumentali in genere
non rilevano secondo il principio di cassa (CM 90/2001).
Autovetture
Per quanto riguarda l'acquisto di veicoli “nuovi”, oltre all'aumento del 40% del costo di acquisizione, è previsto anche l'aumento dei limiti rilevanti per la deduzione delle quote di
ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria dei beni di cui all'art. 164 comma 1 lett. b) del TUIR; pertanto, per effetto della maggiorazione del 40%:
¨ il limite al costo fiscale (es: €18.075,99) è incrementato della suddetta misura (quindi, €.25.306)
¨ la percentuale di deducibilità (es: 20% e 80% per agenti e rappresentanti) resta invariata.
I nuovi limiti di deducibilità, sotto il profilo del tetto massimo del costo d’acquisto fiscalmente riconosciuto, dovrebbero quindi essere pari :
¨ €.25.306,39 (in luogo dell’ordinario €.18.075,99) per autovetture e autocaravan
¨ €.5.784,32 (in luogo dell’ordinario €4.131,66) per i motocicli
¨ €.2.892,16 (in luogo dell’ordinario € 2.065,83) per i ciclomotori.
Acconti d’imposta
Le disposizioni sui “super-ammortamenti” non hanno effetto sulla determinazione dell’acconto dovuto per il periodo in corso al 31/12/2015 (2015 per i soggetti solari). L’acconto dovuto per il
2016 va determinato assumendo, quale imposta del periodo precedente, quella determinata in assenza delle nuove disposizioni.
Studi di settore
Le suddette disposizioni in materia di “super-ammortamenti” non producono effetti “sui valori attualmente stabiliti per l'elaborazione e il calcolo degli studi di settore”
1.a.3.Modello 770 e Certificazione Unica (comma 952)
Viene modificato l’art.4 comma 6-quinquies del DPR 322/98, in materia di trasmissione telematica delle certificazioni dei sostituti d’imposta; in particolare, viene stabilito che, con la
Certificazione Unica da inviare all’Agenzia delle Entrate entro il 07/03 dell’anno successivo a  quello in cui le somme ed i valori sono corrisposti, dovranno essere comunicati anche:
“gli ulteriori dati fiscali e contributivi e quelli necessari per l’attività di controllo dell’Amministrazione finanziaria e degli enti previdenziali e assicurativi, i dati contenuti nelle certificazioni rilasciate ai soli fini
contributivi e assicurativi nonché quelli relativi alle operazioni di conguaglio effettuate a seguito dell’assistenza fiscale prestata”.
Esclusione indicazione dati nel 770 semplificato
Al fine di evitare duplicazioni di adempimenti, l’invio delle CU contenenti i suddetti dati è equiparato alla presentazione del 770 semplificato.
In pratica, quindi, se con la presentazione della nuova CU sono comunicati tutti i dati fino ad ora da esporre nel modello 770, viene meno l’obbligo di presentare tale modello.
L’obbligo di presentazione del modello 770 entro il 31/07 permane per coloro che sono tenuti a comunicare dati non inclusi tra quelli previsti nella nuova Certificazione Unica.

Pag. 6
1.a.4.Riduzione periodo ammortamento avviamento (commi 95 e 96)
La deduzione dei maggiori valori dell’avviamento e dei marchi affrancati (cd. affrancamento “derogatorio”) potrà avvenire in misura non superiore ad 1/5 (anziché 1/10).
Infatti, con la modifica dell’art.15, comma 10 del DL.185/2008 in materia di riallineamento di valori emersi a seguito di operazioni straordinarie disciplinate dagli artt. 172, 173 e 176, TUIR
(fusione, scissione, conferimento d’azienda), è previsto l’aumento a 1/5 della misura ammessa in deduzione del maggior valore dell’avviamento e dei marchi d’impresa, ferme restando sia
l’aliquota dell’imposta sostitutiva sia le tempistiche previste dal DL 185/2008 per il riconoscimento fiscale dei maggiori valori.
La nuova disposizione si applica alle operazioni di aggregazione aziendale poste in essere a decorrere dall’esercizio successivo a quello in corso al 31/12/2015 (2016 per i soggetti “solari”)
1.a.5.Rivalutazione beni d’impresa e partecipazioni (commi 889-890)
È riproposta la rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni per le società di capitali e gli enti commerciali che nella redazione del bilancio non adottano i Principi
contabili internazionali (IAS/IFRS). La rivalutazione va effettuata nel bilancio 2015, deve riguardare tutti i beni risultanti dal bilancio al 31/12/2014 appartenenti alla stessa categoria
omogenea e deve essere annotata nel relativo inventario e nella nota integrativa.
Il saldo attivo di rivalutazione va imputato al capitale o in un’apposita riserva che ai fini fiscali è considerata in sospensione d’imposta.
È possibile effettuare all’affrancamento, anche parziale, di tale riserva mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva ai fini IRES / IRAP in misura pari al 10%.
Imposte sostitutive
Il maggior valore dei beni iscritti in bilancio è riconosciuto ai fini fiscali (redditi e IRAP) dal terzo esercizio successivo a quello della rivalutazione (in generale, dal 2018) tramite il versamento di
un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP determinata nelle seguenti misure:
¨ 16% per i beni ammortizzabili;
¨ 12% per i beni non ammortizzabili.
Le imposte sostitutive dovute per il riconoscimento della rivalutazione e per l’eventuale affrancamento della riserva vanno versate in unica soluzione senza interessi, entro il termine
previsto per il saldo delle imposte sui redditi, anche in compensazione con eventuali crediti disponibili. In caso di cessione, assegnazione ai soci/autoconsumo o destinazione a finalità
estranee all’esercizio dell’impresa prima dell’inizio del quarto esercizio successivo a quello di rivalutazione (in generale, prima del 1° gennaio 2019), la plusvalenza o minusvalenza è calcolata
con riferimento al costo del bene prima della rivalutazione.


Pag. 7

B. RELATIVE ALLE PERSONE FISICHE
1.b.1. Proroga delle detrazioni Irpef (comma 74)
La legge di stabilità 2016 proroga per tutto il 2016 la detrazione Irpef: ¨ del 50% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, di cui all’art. 16-bis TUIR, fino a 96.000
Euro per unità immobiliare;
¨ del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici (fino a 10.000 euro) finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il quale si
fruisce della detrazione IRPEF;
¨ del 65% per gli interventi di cui alla lett. i) dell'art. 16-bis co. 1 del TUIR relativi all'adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all'esecuzione di opere per la messa in sicurezza
statica, per quegli edifici siti nelle zone a più alto rischio sismico;
¨ del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica di cui all’art. 1, commi da 344 a 347,
Legge n. 269/2006; tra questi vi rientrano:
ü quelli relativi parti comuni degli edifici condominiali (artt. 1117 e 1117-bis c.c.) o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio
ü l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari (allegato M al DLgs.311/2006),sostenute dall’1/01/2015 al 31/12/2016, fino a un valore massimo della detrazione di €.60.000
ü l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, sostenute dal 01/01/2015 al
31/12/2016, fino a un valore massimo della detrazione di €.30.000.
1.b.2. Bonus mobili per giovani coppie (comma 75)
È introdotta una nuova detrazione Irpef per le spese sostenute nel 2016, per l'acquisto di mobili adibiti all'arredo dell'abitazione principale. La detrazione è simile al c.d. "bonus mobili",
prorogato dalla legge di stabilità per tutto il 2016, ma si differenzia per alcuni aspetti.
La detrazione, infatti:
¨ spetta nella misura del 50% delle spese sostenute dal 01/01/2016 al 31/12/2016 per un ammontare complessivo di spesa non superiore a 16.000 Euro, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo;
¨ è concessa alle giovani coppie (coniugi o conviventi more uxorio):
che costituiscono nucleo familiare da almeno 3 anni;
in cui almeno uno dei due non abbia superato i 35 anni d'età;
acquistano l'abitazione principale;
La detrazione non è cumulabile né con la detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, né con il bonus mobili ordinario (ossia quello relativo agli immobili
oggetto di intervento di ristrutturazione).


Pag. 8
1.b.3.Detrazione riqualificazione energetica (commi 74, 87 e 88)
In materia di riqualificazione energetica sono previste le seguenti novità:
¨ le detrazioni per gli interventi di risparmio e riqualificazione energetica degli edifici (art. 14 DL 63/2013) diventano fruibili anche dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) comunque
denominati, per le spese sostenute dal 01/01 al 31/12/2016, per interventi realizzati sugli immobili di loro proprietà e adibiti ad edilizia residenziale pubblica.
¨ per le spese sostenute dal 01/01 al 31/12/2016 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, è prevista la possibilità (opzione), per i soggetti che si trovano
nella “no tax area” (pensionati, dipendenti e autonomi che non devono scontare IRPEF), di cedere la detrazione fiscale loro spettante ai fornitori che hanno effettuato i lavori. Le modalità per il
trasferimento saranno definite con un successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della disposizione).
¨ la detrazione in esame si estende alle spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o
produzione di acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative, volti ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici ed a garantire un funzionamento efficiente degli impianti.
In generale, tali dispositivi devono:
ü mostrare i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati ü mostrare il funzionamento e la temperatura di regolazione degli impianti
ü consentire accensione/spegnimento e programmazione degli impianti da remoto.
Per conoscere quali caratteristiche debbano avere i dispositivi multimediali si dovranno, tuttavia, attendere chiarimenti ufficiali.
1.b.4.Detrazione IRPEF spese funebri e spese universitarie (comma 954)
Modificando l’art. 15, comma 1, lett. d), TUIR, viene stabilito che le spese funebri sono detraibili ai fini IRPEF per un importo non superiore ad € 1.550 (in luogo di €. 1.549,37) per
ciascun decesso verificatosi nell’anno. La detrazione è ora riconosciuta per le spese sostenute in relazione al solo evento della “morte” non richiedendo più che tra il deceduto
ed il soggetto che sostiene la spesa intercorra un rapporto di parentela (familiari di cui all’art. 443, c.c., affidati o affiliati).
Viene poi chiarito che la detrazione per la frequenza di corsi di istruzione universitaria riguarda anche le università non statali, demandando la fissazione dell'importo da detrarre
ad apposito DM, che tenga conto degli importi medi delle tasse e contributi dovuti alle università statali.
Con la nuova disposizione si intende, quindi, fornire un riferimento “certo” relativamente all’ammontare detraibile delle spese sostenute per la frequenza di università non statali.


Pag. 9
Decorrenza
La nuova disciplina introdotta con riferimento sia alle detrazioni per spese funebri (è stato eliminato il vincolo di parentela) che per le spese di istruzione universitaria (per le quali si
prevede un decreto ministeriale) si applica a decorre dall’anno d’imposta 2015.
1.b.5. Detrazione per leasing immobili destinati ad abitazione principale (comma 82)
Si introduce una nuova detrazione per coloro che acquistano un immobile da destinare ad abitazione principale attraverso un contratto di locazione finanziaria. Nello specifico,
introducendo le lett. i-sexies1) e i-sexies2) al comma 1 dell’art. 15 del TUIR, viene agevolato lo strumento del leasing immobiliare per chi compra la prima casa, con vantaggi maggiori per i
giovani di under 35 . Dall’IRPEF lorda si può, infatti, detrarre un importo pari al 19% per:
¨ canoni e relativi oneri accessori, per un importo non superiore a € 8.000
¨ costo di acquisto dell’immobile all’esercizio dell’ opzione finale, per un importo non superiore a
€.20.000, ove le spese siano sostenute da giovani di età inferiore a 35 anni, con un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro all’atto della stipula del contratto di locazione finanziaria
e non titolari di diritti di proprietà su immobili a destinazione abitativa.
La detrazione spetta alle medesime condizioni previste per la detrazione degli interessi passivi sui mutui contratti per l’acquisto dell’abitazione principale (art. 15 comma 1 lett. b) TUIR).
Proprio detta norma contiene la definizione di abitazione principale ove si afferma che “Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano
abitualmente”. Si ricorda che, ai fini delle imposte sui redditi, si intendono per familiari (art. 5 comma 5 del TUIR) il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.
Per i soggetti di età superiore a 35 anni, ferme restando le altre condizioni richieste, l’importo massimo detraibile a fini IRPEF è dimezzato (€.4.000 per i canoni e €.10.000 per il costo di acquisto).
1.b.6. Detrazione Iva per acquisti unità immobiliare (comma 56)
E’ introdotta una detrazione dall’IRPEF pari al 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’IVA sull’acquisto effettuato entro il 31/12/2016 di abitazioni di classe energetica A o B
cedute dalle imprese costruttrici. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali. 1.b.7. Credito d’imposta per sistemi di videosorveglianza (comma 982)
Si istituisce per l’anno 2016 un credito d’imposta a favore delle persone fisiche che, al di fuori della loro attività di lavoro autonomo, installano sistemi di videosorveglianza digitale “o
allarme” o stipulano contratti con istituti di vigilanza per la prevenzione di attività criminali. Con decreto del MEF, da adottare entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della
legge, saranno definiti i criteri e le procedure per l'accesso al beneficio e per il suo recupero in caso di illegittimo utilizzo, nonché le ulteriori disposizioni.


Pag. 10
1.b.8.Rivalutazione terreni e partecipazioni (comma 888)
Viene riproposta la possibilità di rivalutare il costo d’acquisto di:
¨ terreni edificabili e agricoli posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, superficie ed enfiteusi;
¨ partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute a titolo di proprietà e usufrutto;
alla data del 1° gennaio 2016, non in regime d’impresa, da parte di persone fisiche, società semplici, associazioni professionali, enti non commerciali.
Rispetto al passato, la nuova disposizione prevede l’applicazione di un’aliquota unica per le imposte sostitutive; in pratica, esercitando l’opzione di assumere, in luogo del costo o valore
di acquisto, il valore indicato in perizia delle partecipazioni non quotate o dei terreni, il contribuente dovrà assolvere l’imposta sostitutiva nella misura dell’8% : su tutte le tipologie di
partecipazioni non quotate (sia qualificate che non) e sui terreni (sia agricoli che edificabili).
A tal fine, entro il 30/06/2016 si dovrà provvedere:
¨ alla redazione ed all’asseverazione della perizia di stima da parte di un professionista abilitato
¨ al versamento dell’imposta sostitutiva per l’intero ammontare, o (in caso di rateazione) per la prima delle 3 rate annuali di pari importo.
1.b.9.Aumento detrazione Irpef redditi da pensione (comma 290)
A seguito delle modifiche alle lett. a) e b) di cui al comma 3 dell'art. 13 del TUIR, viene stabilito che, a partire dal 01/01/2016 (in luogo dell’originario 2017), la detrazione IRPEF del
reddito da pensione che eventualmente concorre alla formazione del reddito complessivo è così aumentata:
¨ € 1.783 (in luogo di € 1.725), se il reddito complessivo non supera € 7.750 (in luogo di € 7.500);
¨ € 1.255, aumentata del prodotto fra € 528 (in luogo di € 470) e l’importo corrispondente al rapporto tra € 15.000, diminuito del reddito complessivo, e € 7.250 (in luogo di € 7.500) se l’ammontare del
reddito complessivo è superiore a € 7.750 (in luogo di € 7.500) ma non a € 15.000.
Resta immutata la disciplina per i casi in cui il soggetto abbia un reddito complessivo superiore a 15.000 euro.
Inoltre, a seguito delle modifiche apportate alle lett. a) e b) di cui al comma 4 dell'art. 13 del TUIR, è previsto l’aumento delle detrazioni relative ai redditi da pensione per soggetti di età
non inferiore a 75 anni, che spettano nella seguente misura:
¨ € 1.880 (in luogo di € 1.783), se il reddito complessivo non supera € 8.000 (in luogo di € 7.750);
¨ € 1.297, aumentata del prodotto fra € 583 (in luogo di € 486) e l’importo corrispondente al rapporto tra € 15.000, diminuito del reddito complessivo, e € 7.000 (in luogo di € 7.250) se l’ammontare del
reddito complessivo è superiore a € 8.000 (in luogo di € 7.750) ma non a € 15.000.
Anche per i soggetti di età pari o superiore a 75 anni, resta immutata la disciplina per i casi di reddito complessivo superiore a 15.000 euro.


Pag. 11
1.b.10. Modello 730 precompilato (commi 949 - 957)
Come già preannunciato dall'Agenzia delle Entrate, dal prossimo anno (modello 730/2016 - redditi 2015), nella dichiarazione precompilata, confluiranno anche i dati delle spese sanitarie
registrate con il sistema "Tessera Sanitaria" ed i dati dei rimborsi effettuati nel periodo
d’imposta precedente, semplificando ancora più la dichiarazione dei redditi per i lavoratori ed i pensionati. La Legge di Stabilità, introducendo a “regime” tale obbligo, dispone che:
sono inclusi tra i soggetti operanti nel settore sanitario tenuti all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria anche le strutture autorizzate per l’erogazione dei
servizi sanitari e non accreditate. modifica art. 3, co.3, DLgs.175/2014 tutti i contribuenti, indipendentemente dalla predisposizione della dichiarazione
precompilata, potranno consultare i dati relativi alle spese sanitarie acquisite dal Sistema Tessera Sanitaria mediante i servizi telematici messi a disposizione
dal Sistema stesso.
nuovo art. 3, co.3-bis DLgs.175/2014
nel caso di omessa, tardiva o errata trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie si applica la sanzione prevista dall’art. 78, co. 26, Legge n. 413/1991.
modifica art. 3, co.4,
DLgs.175/2014
Al fine di semplificare gli adempimenti dei contribuenti, si rende “sperimentale”, per l’anno 2016, l’esclusione dallo spesometro per i contribuenti che trasmettono i dati tramite il sistema
tessera sanitaria (art. 3 comma 3 del DLgs.175/2014).
Aspetti Sanzionatori
Come noto, in caso di omessa, tardiva o errata trasmissione delle certificazioni uniche o dei dati relativi agli oneri deducibili o detraibili, si applica una sanzione di 100,00 euro per ogni
comunicazione:
¨ senza possibilità, in caso di violazioni plurime, di applicare il “cumulo giuridico” (DLgs.472/97)
¨ con un massimo di 50.000 euro
Se la comunicazione è correttamente trasmessa entro 60 giorni dalla scadenza, la sanzione è ridotta a 1/3, con un massimo di €.20.000. Nei casi di errata comunicazione dei dati, la
sanzione non si applica se la trasmissione dei dati corretti è effettuata:
¨ entro i 5 giorni successivi alla scadenza;
¨ o, in caso di segnalazione da parte dell’Agenzia, entro i 5 giorni successivi alla segnalazione
Al fine di limitare tale regime sanzionatorio, viene aggiunto il “nuovo” co. 5-ter all’art. 3, D.Lgs.175/2014; nello specifico è previsto che, per le trasmissioni da effettuare nel 2015,
relative al 2014, e comunque per quelle effettuate nel primo anno previsto per le trasmissioni alle Entrate dei dati e delle certificazioni uniche utili per la predisposizione della dichiarazione
precompilata, non si fa luogo all'applicazione delle suddette sanzioni in caso: ¨ di "lieve tardività" nella trasmissione dei dati;


Pag. 12
¨ oppure di errata trasmissione degli stessi, "se l'errore non determina un'indebita fruizione di detrazioni o deduzioni nella dichiarazione precompilata".
Resta ferma l'applicazione delle sanzioni in caso di omessa trasmissione dei dati. Quanto su riportato riguarda le sanzioni a carico dei soggetti obbligati alla
trasmissione dei dati relativi le prestazioni sanitarie, degli altri soggetti obbligati ovvero banche, fondi pensioni, imprese assicuratrici e enti
previdenziali nonché dei sostituti di imposta (art. 4, c. 6 quinquies, del DPR.322/98).
Modelli 730 presentati tramite CAF e professionisti
Modificando l’art.1 comma 4 del DLgs.175/2014, viene stabilito che la suddetta disciplina in materia di controlli preventivi si applica anche ai modelli 730 presentati:
¨ tramite i CAF e i professionisti abilitati che prestano assistenza fiscale;
¨ indipendentemente dal fatto che si tratti di una dichiarazione precompilata (modificata o meno) o di una dichiarazione presentata con le modalità “ordinarie”.
Abrogazione della precedente disciplina
Viene abrogato l’art. 5 comma 1 lett. b) del DLgs.175/2014, che aveva escluso i suddetti controlli in caso di presentazione, senza modifiche, del 730 precompilato, direttamente dal
contribuente tramite il sostituto d’imposta. Detta abrogazione ha effetto per le dichiarazioni dei redditi presentate a decorrere dall’anno 2016, periodo d’imposta 2015.
Inoltre, il comma 956 dell’art.1 della Legge di stabilità 2016 rende permanente, con effetto per le dichiarazioni dei redditi presentate a decorrere dal 2016 (relative al 2015), l’onere
dell’Agenzia delle entrate di effettuare controlli preventivi, anche documentali, sulla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia in caso di rimborso complessivamente
superiore a 4.000 euro (sono abrogati i commi 586 e 587 all'articolo 1 della legge n. 147/2013 che prevedevano la cessazione di tale onere a decorrere dal 2016).

Pag. 13
2. NOVITÀ IN MATERIA DI TRIBUTI LOCALI
A. NOVITÀ IMU (commi 11-13)
La legge di stabilità 2016 apporta alcune modifiche in materia di IMU.
2.a.1.IMU terreni agricoli
È nuovamente rivista la tassazione applicabile ai terreni agricoli; in particolare, a decorrere  dal 2016, viene ripristinato, ai fini dell'esenzione Imu dei terreni agricoli, il criterio contenuto
nella circolare 9/1993 al posto dell'attuale basato sulla classificazione ISTAT del territorio.
Inoltre, vengono abrogate le disposizioni contenute nei commi 5 e 8-bis dell'art. 13 del DL 201/2011 (relative alla determinazione della base imponibile dei terreni), e nei commi 1 da 1 a 9-bis
dell'art. 1 del DL 4/2015 (individuazione dei terreni agricoli imponibili/esenti IMU per il 2014 e 2015).
Pertanto, in base alle modifiche effettuate, dal 2016, saranno esenti Imu i terreni agricoli:
¨ ricadenti in aree montane e di collina, secondo i criteri stabiliti dalla CM 9/1993
¨ posseduti e condotti da coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali (di cui all'art. 1 del
D.lgs. 99/2004), iscritti alla previdenza agricola (CD e IAP), indipendentemente dalla loro ubicazione;
¨ ubicati nelle isole minori (di cui all’Allegato A della Legge n. 448/2001);
¨ a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale, a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile.
2.a.2.Esenzione dell'IMU per i coltivatori diretti e IAP
Si dispone che i coltivatori diretti e gli IAP (DLgs.99/2004), iscritti alla previdenza agricola, non devono più versare l'imposta per i terreni agricoli da loro posseduti e condotti.
Sono abrogate, le disposizioni contenute nei co. 5 e 8-bis dell'art. 13 del DL 201/2011.
2.a.3.Invio delibere e regolamenti da parte dei comuni
Il termine ultimo entro il quale i Comuni sono tenuti ad inviare telematicamente al Portale del federalismo fiscale le delibere ed i regolamenti IMU/TASI, affinché l’efficacia degli stessi
decorra dalla data di pubblicazione, è fissato al 14 ottobre (anziché al 21/10). Resta fermo al 28/10 il termine entro il quale dette delibere e regolamenti devono risultare pubblicati sul sito
Internet del MEF per trovare applicazione a decorrere dall’anno di pubblicazione.
2.a.4.Riduzione IMU per immobili concessi in comodato ai figli (comma 10)
E’ prevista una riduzione del 50% della base imponibile IMU (e TASI) per le unità immobiliari, escluse quelle di maggior pregio (A/1, A/8 e A/9), concesse in comodato dal soggetto
passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale. Ai fini del beneficio devono sussistere le seguenti condizioni:
¨ che il contratto di comodato sia registrato
¨ che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato

Pag. 14
Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione
principale, ad eccezione delle unità abitative classificate A/1, A/8 e A/9.
Ai fini dell’applicazione della disposizione, il soggetto passivo deve attestare il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all’art. 9, comma 6 del Dlgs.23/2011.
2.a.5.Esenzioni Imu cooperative (comma 15)
Modificando l’articolo 13, comma 2, lettera a), del DL 201/2011 viene stabilito che l'IMU non si applica agli immobili appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad
abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, “ivi incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci
assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica”.
2.a.6.Riduzione IMU immobili a canone concordato (comma 53)
Introdotto all'art 13 del D.l. 201/2011 il nuovo comma 6-bis secondo cui, per gli immobili locati a canone concordato di cui alla Legge n. 431/98, l’ammontare dell’IMU dovuta, così come
risultante dall’applicazione dell’aliquota fissata dal Comune, è ridotto del 25% (va versato il 75%).
B. NOVITÀ TASI (comma 14)
La legge di stabilità 2016 apporta alcune modifiche alla disciplina della TASI.
2.b.1.Esenzione abitazione principale
Modificando l’art.1 comma 669 della L.147/2013 , l’esenzione dalla Tasi, già riconosciuta per i terreni agricoli, è estesa alle unità immobiliari adibite ad abitazione principale, escluse quelle
classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9. In pratica, a decorrere dal 2016 la TASI:
¨ è abolita per le abitazioni principali iscritte nelle categorie catastali diverse da quelle "di lusso";
¨ continua ad applicarsi per gli immobili classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.
2.b.2.Fabbricati invenduti delle imprese costruttrici
E’ prevista la riduzione all'1 per mille (0,1%) dell'aliquota TASI dei fabbricati costruiti e destinati alla vendita dall'impresa costruttrice, fintanto che permanga tale destinazione, e gli stessi
non siano locati. I Comuni hanno la possibilità di aumentare tale aliquota fino al 2,5 per mille (0,25%), o diminuirla fino ad azzerarla.


Pag. 15
2.b.3.Maggiorazione aliquote
Per l’anno 2016, limitatamente agli immobili non esentati, il Comune può, con espressa deliberazione, maggiorare l’aliquota TASI nella stessa misura applicata per l’anno 2015.
Si elimina così la condizione, originariamente prevista, secondo cui tale aumento doveva essere deliberato, per l’anno 2015, entro il 30/09/2015 e nel rispetto dei vincoli posti dalla
legge di Stabilità 2014. Viene, inoltre, espunta la disposizione che, con riferimento al 2015, manteneva come valide le deliberazioni relative a regolamenti, aliquote e tariffe adottate
dai Comuni entro il 30/09/2015, ove fossero state espletate le procedure di pubblicazione.
2.b.4.Pubblicazione Delibere
Come per l'Imu, anche per la TASI viene anticipata al 14 ottobre la data entro cui i Comuni devono pubblicare le delibere sul Portale del federalismo fiscale.
C. ALTRE NOVITÀ IN TEMA DI TRIBUTI LOCALI
3.c.1.Blocco degli aumenti dei tributi locali e delle addizionali (comma 26) Si sospende, per l’anno 2016, l’efficacia delle leggi regionali e delle deliberazioni comunali
per la parte in cui aumentano i tributi e le addizionali attribuite ai medesimi enti territoriali, in luogo di vietare la deliberazione di tali aumenti. Tali aumenti sono rapportati ai livelli di
aliquote applicabili per l’esercizio 2015. In tal modo, la sospensione degli aumenti di aliquote riguarda anche gli enti che hanno già deliberato in tal senso all’entrata in vigore della legge
di Stabilità.
3.c.2.Tari (comma 27)
E’ prorogata per gli anni 2016 e 2017 la modalità di commisurazione della TARI da parte dei Comuni sulla base di un criterio medio-ordinario (ovvero in base alle quantità e qualità medie
ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte) e non sull’effettiva quantità di rifiuti prodotti (c.d. metodo normalizzato, nel rispetto del principio “chi
inquina paga”, sancito dall’art. 14, direttiva n. 2008/98/CE).
E’, inoltre, differito al 2018 (in luogo del 2016) il termine a decorrere dal quale il Comune deve avvalersi, nella determinazione dei costi del servizio, anche delle risultanze dei fabbisogni
standard. A tal fine sono modificati i co. 652 e 653 della legge di stabilità 2014 (L. 147/2013).
3.c.3.Imposta comunale sulla pubblicità (comma 739)
Con una norma di interpretazione autentica si elimina la facoltà dei Comuni di aumentare le tariffe dell’imposta comunale sulla pubblicità (operata dall’art. 23, comma 7, D.L. n. 83/2012).
Tale abrogazione non ha effetto per i Comuni che si fossero già avvalsi di tale facoltà prima dell’entrata in vigore della medesima norma abrogativa.


Pag. 16
3. NOVITÀ IN MATERIA DI IRAP
3.1 Ulteriore deduzione IRAP (comma 123)
Passa da € 10.500 a € 13.000 l’ulteriore deduzione IRAP spettante a società di persone, imprese individuali e lavoratori autonomi ai sensi dell'art. 11, comma 4-bis, lett. d-bis), D.Lgs. n.
446/1997. La misura si applica a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31/12/2015, quindi, per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare, a
decorrere dal 2016. Queste le nuove misure:
BASE IMPONIBILE IRAP
ULTERIORE DEDUZIONE SPETTANTE
FINO AL PERIODO D'IMPOSTA 2015
ULTERIORE DEDUZIONE
SPETTANTE DAL PERIODO
D'IMPOSTA 2016
Fino a € 180.759,91 € 10.500 € 13.000
Da € 180.759,92 a € 180.839,91 € 7.875 € 9.750
Da € 180.839,92 a € 180.919,91 € 5.250 € 6.500
Da € 180.919,92 a € 180.999,91 € 2.625 € 3.250
3.2. Deduzioni Irap lavoratori stagionali (comma 73)
Si estende la deducibilità del costo del lavoro dall’imponibile IRAP, nel limite del 70%, per ogni lavoratore stagionale impiegato per almeno 120 giorni nel periodo d’imposta:
¨ a decorrere dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro ¨ nell’arco di 2 anni a partire dalla cessazione del precedente contratto.
3.3 Irap medici (comma 125)
Non sussiste autonoma organizzazione ai fini IRAP nel caso di medici che:
¨ abbiano sottoscritto convenzioni con le strutture ospedaliere per lo svolgimento della professione
¨ percepiscono per l’attività svolta in dette strutture più del 75% del proprio reddito complessivo.
Sono in ogni caso irrilevanti, ai fini della sussistenza dell’autonoma organizzazione, l’ammontare del reddito realizzato e le spese direttamente connesse all’attività, svolta.
L’esistenza dell’autonoma organizzazione è comunque configurabile in presenza di elementi che superano lo standard e i parametri previsti dalla Convenzione con il SSN.


Pag. 17
4. NOVITÀ IN MATERIA DI IVA
4.1. Rinvio aumento aliquote IVA (comma 6)
È confermato il rinvio dell’aumento dell’IVA contenuto nell'art. 1, comma 718, della Legge di Stabilità 2015, prevedendo che:
¨ l’aliquota IVA del 10% passi al 13% a decorrere dal 2017;
¨ l’aliquota IVA del 22% passi al 24% a decorrere dal 2017 (in luogo del 25%) e al 25% dal 2018 (in luogo del 25,5%).
4.2 Note di variazione ai fini iva (commi 126 e 127)
Viene sostituito integralmente l’art. 26 del D.P.R. n. 633/1972, in materia di “Variazioni dell’imponibile o dell’imposta” IVA, stabilendo una disciplina più precisa in caso di mancato
incasso della fattura, in tutto o in parte. In particolare, il nuovo art. 26 distingue le seguenti ipotesi che legittimano l’emissione della nota di variazione in diminuzione:
¨ verificarsi di una causa di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione (e simili) dell’operazione;
¨ applicazione di abbuoni o sconti previsti contrattualmente;
¨ assoggettamento del cessionario o committente ad una procedura concorsuale (fallimento,
concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria) o ad un’altra procedura di soluzione della crisi di impresa (accordo di ristrutturazione dei debiti, piano
attestato di risanamento);
¨ esperimento, da parte del fornitore, di una procedura esecutiva individuale rimasta infruttuosa.
La suddetta disposizione “non può essere applicata dopo il decorso di un anno dall'effettuazione dell'operazione imponibile qualora gli eventi ivi indicati si verifichino in
dipendenza di sopravvenuto accordo fra le parti e può essere applicata, entro lo stesso termine, anche in caso di rettifica di inesattezze della fatturazione che abbiano dato luogo all'applicazione dell'articolo 21, comma 7.
Inoltre, si stabilisce ora che la nota di credito può essere emessa in caso di mancato pagamento, in tutto o in parte:
¨ in presenza di una procedura concorsuale / accordo di ristrutturazione dei debiti / piano attestato di risanamento, dalla data di assoggettamento alla procedura / decreto di omologa dell’accordo
/ pubblicazione nel Registro delle Imprese
¨ resta fermo che il debitore si considera assoggettato a procedura concorsuale alla data della sentenza dichiarativa di fallimento o del provvedimento che ordina la liquidazione coatta
amministrativa o del decreto di ammissione al concordato preventivo o del decreto che dispone l’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.


Pag. 18
¨ a causa di procedure esecutive individuali rimaste infruttuose. Come previsto dal nuovo comma 12 dell'art. 26, una procedura esecutiva individuale si considera in ogni caso infruttuosa:
ü in caso di pignoramento presso terzi, quando dal verbale di pignoramento redatto dall’ufficiale giudiziario risulta che presso il terzo pignorato non vi sono beni / crediti da pignorare;
ü in caso di pignoramento di beni mobili, quando dal verbale di pignoramento redatto dall’ufficiale giudiziario risulta la mancanza di beni da pignorare / impossibilità di accesso al
domicilio del debitore ovvero la sua irreperibilità;
ü nel caso in cui, dopo che per tre volte l’asta per la vendita del bene pignorato sia andata deserta, si decida di interrompere la procedura esecutiva per eccessiva onerosità.
In caso di successivo incasso (in tutto/parte) del corrispettivo, va emessa una nota di debito.
Nel caso di risoluzione contrattuale relativa a contratti a esecuzione continuata o periodica, conseguente a inadempimento del cessionario o committente, la possibilità di emettere nota di credito non si estende alle cessioni/prestazioni “per cui sia il cedente o prestatore che il cessionario o committente abbiano correttamente adempiuto alle proprie obbligazioni”.
Infine la nota di credito può essere emessa, ricorrendone i presupposti, anche da parte dell’acquirente/committente debitore dell’imposta tramite il reverse charge ex artt. 17 o 74,
DPR n. 633/1972 o 44, D.L. n. 331/1993.
Decorrenza
Viene specificato che alcune delle disposizioni introdotte (emissione della nota di variazione IVA in diminuzione “a partire dalla data in cui il cessionario o committente è assoggettato auna procedura
concorsuale” e disapplicazione dell’obbligo di registrare la variazione per la controparte contrattuale, nel caso di procedure concorsuali) si applicano nel caso in cui il cessionario o committente sia
assoggettato a una procedura concorsuale successivamente al 31 dicembre 2016.
Le altre modifiche apportate al predetto articolo 26, “in quanto volte a chiarire l'applicazione delle disposizioni contenute in tale ultimo articolo e quindi di carattere
interpretativo, si applicano anche alle operazioni effettuate anteriormente” al 2016.
4.3.Estensione del reverse charge (comma 128)
Si estende il meccanismo del reverse charge a fini IVA anche alle prestazioni di servizi resi dalle imprese consorziate nei confronti del consorzio di appartenenza, ove il consorzio sia
aggiudicatario di una commessa nei confronti di un ente pubblico, al quale il consorzio sia tenuto ad emettere fattura (ai sensi delle disposizioni relative allo split payment). L’efficacia della
norma è subordinata all’ autorizzazione UE, ai sensi della direttiva IVA (direttiva 2006/112/CE).


Pag. 19
4.4.IVA cooperative sociali (commi 960 e 961)
E’ prevista l'adozione dell'aliquota IVA nella misura del 5% per le prestazioni, rese nell’ambito socio-sanitario dalle cooperative sociali e loro consorzi nei confronti di soggetti degni di
protezione sociale. La "nuova" aliquota IVA (inserita nella Tabella A, parte II-bis, allegata al DPR 633/72) richiede infatti che:
¨ le prestazioni siano rese da cooperative sociali e loro consorzi, in favore di anziani, inabili adulti, minori, handicappati psicofisici ed altri soggetti degni di tutela sociale di cui al n. 27-ter dell'art. 10
co. 1 del DPR 633/72;
¨ si tratti di prestazioni socio-sanitarie e di assistenza domiciliare e ambulatoriale (n. 27-ter dell'art. 10 co. 1 del DPR 633/72), nonché di prestazioni sanitarie, di ricovero e di cura, didattiche ed
educative (nn. 18, 19, 20 e 21 del citato art. 10).
La decorrenza è fissata alle operazioni effettuate sulla base di contratti stipulati, rinnovati o prorogati successivamente al 01/01/2016, data di entrata in vigore della legge di stabilità.

Pag. 20
5. NOVITÀ IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI
5.1 Regime forfettario (commi 111-113)
La legge di stabilità 2016 prevede alcune modifiche al regime forfettario, introdotto l'anno scorso con la Legge di stabilità 2015; in particolare, sono oggetto di modifica:
¨ alcune condizioni per l’accesso e la permanenza nel regime
¨ l’agevolazione per i soggetti che iniziano l’attività
¨ il regime contributivo
Requisiti d’accesso
Per ampliare l'ambito soggettivo di applicazione del regime è previsto l’aumento del limite dei ricavi/compensi per ciascuno dei 9 gruppi di attività, al di sotto dei quali i contribuenti
possono accedere e permanere al nuovo regime, fermo restando il rispetto degli altri requisiti. Dal 2016, le soglie dei ricavi e dei compensi sono generalmente incrementate di
10.000 Euro, e di 15.000 Euro per le attività svolte dagli esercenti arti e professioni.
Si riporta nella tabella che segue il limite dei ricavi vigente, e quello nuovo.
Codice attività ATECO
2007
Settore
Limiti compensi Coeff.
Vigenti Nuovi redditività
(10 – 11)
Industrie alimentari e delle bevande
35.000 45.000 40%
45 – (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a 47.7) – 47.9
Commercio all’ingrosso e al dettaglio
40.000 50.000 40%
47.81
Commercio ambulante e di prodotti alimentari e bevande
30.000 40.000 40%
47.82 – 47.89
Commercio ambulante di altri prodotti
20.000 30.000 54%
(41 – 42 – 43) – (68)
Costruzioni e attività immobiliari
15.000 25.000 86%
46.1 Intermediari del commercio 15.000 25.000 62% (55 – 56)
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
40.000 50.000 40%
(64 – 65 – 66) – (69 – 70 – 71 – 72 – 73 – 74 – 75) –(85) – (86 – 87 – 88)
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi
15.000 30.000 78%
(01 – 02 – 03) – (05 – 06 – 07 – 08 – 09) – (12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19
Altre attività economiche 20.000 30.000 67%


Pag. 21
– 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 – 28 – 29 – 30 – 31 –32 – 33) – (35) – (36 – 37 – 38 – 39) – (49 – 50 –51 – 52 – 53) – (58 – 59 –
60 – 61 – 62 – 63) – (77 – 78 – 79 – 80 – 81 – 82) – (84) – (90 – 91 – 92 – 93) – (94 – 95 – 96) – (97 – 98) – (99)
Limite ai redditi di lavoro dipendente o assimilato
Per rendere più vantaggiosa l'adesione al regime, è stato modificato il vincolo che occorre rispettare per l'accesso al regime, in caso di esercizio di attività di lavoro dipendente (o
assimilati), nell'anno precedente a quello di applicazione del forfait.
In particolare, viene introdotta una causa di esclusione dal regime forfettario secondo cui non possono avvalersi del regime coloro che abbiano conseguito, nell'anno antecedente a
quello in cui intendono avvalersi del regime agevolato, redditi di lavoro dipendente o assimilato (compreso il reddito da pensione), eccedenti la soglia di 30.000 Euro. Il rispetto di
tale limite non rileva se il rapporto di lavoro dipendete o assimilato risulti cessato.
Aliquota d’imposta per chi inizia l’attività
Per favorire l'avvio di nuove iniziative produttive, l'aliquota sostitutiva del regime agevolato viene ridotta dal 15% al 5% per i primi 5 anni di attività. Resta fermo che per beneficiare
dell’aliquota ridotta è necessario il verificarsi dei seguenti requisiti:
¨ il contribuente non ha esercitato, nei 3 anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche in forma associata o familiare
¨ l’attività da esercitare non costituisca “mera prosecuzione” di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente / autonomo, escluso il caso in cui la stessa costituisca un
periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio dell’arte / professione ¨ se l’attività è il proseguimento di un’attività esercitata da altro soggetto, l’ammontare dei ricavi o
compensi dell’anno precedente non deve superare i limiti di ricavi previsti per il regime forfetario.
Il beneficio della riduzione dell’aliquota d’imposta viene poi riconosciuto, per gli anni dal 2016 al 2019, anche ai soggetti che hanno applicato il regime agevolato nel 2015 alle
predette condizioni.


Pag. 22
Regime contributivo agevolato
In luogo dell’attuale esonero dal minimale contributivo, viene prevista una riduzione, pari al 35%, della contribuzione (ordinaria) INPS dovuta ai fini previdenziali, fermo restando il
meccanismo di accredito contributivo secondo le regole della Gestione Separata.
In base alla formulazione della norma, sembrerebbe che, usufruendo del regime contributivo agevolato, i soggetti tornerebbero a versare i contributi previdenziali in corso d'anno alle
normali scadenze trimestrali, nonché la relativa quota minima, seppur ridotta del 35%.
5.2 Assegnazione agevolata beni d’impresa (commi 115 -120) E’ riproposta l’assegnazione o cessione agevolata di beni (immobili o mobili) ai soci; nello
specifico, è prevista una norma che consente alle società (di persone o di capitali) di assegnare o cedere ai soci gli immobili non strumentali per destinazione o i beni mobili iscritti
in Pubblici registri non utilizzati come beni strumentali.
L’assegnazione/cessione deve avvenire dal 01/01 al 30/09/2016, a condizione che tutti i soci risultino iscritti nel libro dei soci, ove prescritto, alla data del 30/09/2015, o comunque che
vengano iscritti entro il 30/01/2016 in forza di un titolo di trasferimento avente data certa anteriore al 1º ottobre 2015.
Le medesime disposizioni si applicano alle società che hanno per oggetto esclusivo o principale la gestione di detti beni e che si trasformano in società semplici entro il 30/09/2016
A tal fine, è dovuta un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e IRAP pari all’8% (o 10,5% per le società non operative in almeno due dei tre periodi di imposta precedenti a quello in
corso al momento della assegnazione, cessione o trasformazione).
5.3. Estromissione immobile imprenditore individuale (comma 121)
La Legge di Stabilità 2016 ripropone la possibilità, per l'imprenditore individuale, di estromissione degli immobili strumentali per natura.
In particolare, viene stabilito che l'imprenditore individuale che, alla data del 31 ottobre 2015, possiede beni immobili strumentali per natura di cui all'articolo 43, comma 2, del TUIR, può
optare per l'esclusione dei beni stessi dal patrimonio dell'impresa, con effetto dal periodo di imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016, quindi dal 2016.
L'opzione deve avvenire entro il 31.05.2016 mediante il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'IRPEF e dell'IRAP nella misura dell'8%, calcolata sulla differenza tra il valore normale di tali
beni ed il relativo valore fiscalmente riconosciuto.
Si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni in tema di assegnazione agevolata dei beni d'impresa.


Pag. 23
5.4 Agevolazioni contratti leasing di immobili abitativi (comma 83)
È prevista una nuova aliquota dell'imposta di registro (1,5%) da applicare al trasferimento di fabbricati abitativi “non di lusso” (accatastati in categorie diverse da A/1, A/8 o A/9), ceduti a
banche o imprese di leasing che li abbiano dati in leasing a utilizzatori che soddisfino le condizioni di "prima casa" (Nota II-bis all'art. 1 della Tariffa, parte I, allegata al DPR 131/86).
In tal caso, le condizioni agevolative dovranno essere valutate prendendo in considerazione l'utilizzatore anziché il concedente ed il contratto di leasing anziché il contratto di acquisto.
Viene disposto, inoltre, che:
¨ si assoggettano ad imposta di registro in misura proporzionale anche le cessioni, da parte degli utilizzatori, di contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto gli immobili ad uso abitativo
(quindi non solo ad uso strumentale), ancorché assoggettati a IVA; ¨ agli atti di cessione di contratti di leasing aventi ad oggetto immobili abitativi, anche da costruire
ed anche se assoggettati a IVA, operati dagli utilizzatori, si applicano le aliquote dell'1,5% o del 9% a seconda che, in capo al cessionario, sussistano le condizioni per l'applicazione
dell'agevolazione prima casa o meno.
5.5. Incentivi alla rottamazione dei veicoli (commi 85 e 86)
Sono previsti incentivi - fino ad un massimo di 8.000 euro - per la sostituzione, mediante demolizione, di veicoli di categoria Euro 0, Euro 1 o Euro 2 con veicoli “nuovi”, aventi classi di
emissione non inferiore ad Euro 5.
Il contributo è anticipato all’acquirente dal rivenditore sotto forma di sconto sul prezzo di vendita ed è a questo rimborsato sotto forma di credito d’imposta di pari importo, da
utilizzare in compensazione. Con un apposito decreto saranno definite le modalità di attuazione dell’agevolazione. L’incentivo è previsto per i veicoli acquistati dal 01/01 al
31/12/2016 ed immatricolati entro il 31/03/2017.

Pag. 24
6. ULTERIORI NOVITÀ
6.1.Promotori e consulenti finanziari (commi 36-48)
Viene riformato il sistema di vigilanza sui promotori finanziari e sui consulenti finanziari.
In particolare, si prevede l’istituzione di un Albo unico gestito da un Organismo con personalità giuridica di diritto privato, ordinato in forma di associazione: l’attuale Organismo
per la tenuta dell’Albo dei promotori finanziari (APF) viene trasformato nel nuovo Organismo per la tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari.
All’interno dell’Albo unico sono previste tre distinte sezioni con riguardo al tipo di attività svolta dai soggetti, che assumono le seguenti denominazioni:
¨ consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede (attuali promotori finanziari: art. 31 TUF);
¨ persone fisiche consulenti finanziari indipendenti (attuali consulenti finanziari: art. 18-bis TUF);
¨ società di consulenza finanziaria (attuali società di consulenza finanziaria: art. 18-ter TUF).
Si prevede che l’iscrizione all’Albo unico dei consulenti finanziari sia subordinata al versamento di una tassa sulle concessioni governative. Tale tassa è dovuta per le iscrizioni
successive alla data di entrata in vigore della norma.
6.2. Compensazione cartelle esattoriali (comma 129)
Si estendono al 2016 le norme che consentono la compensazione delle cartelle esattoriali in favore delle imprese titolari di crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed
esigibili, maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione e certificati secondo le modalità previste dalla normativa vigente.
6.3.Accertamento imposte sui redditi ed Iva (comma 130 – 132)
Si modifica la disciplina dei termini per l’accertamento delle imposte sui redditi e dell’IVA: ¨ sono allungati di 1 anno i termini per l’accertamento dell’IVA e delle imposte sui redditi: dal 31/12
del 4° anno al 31/12 del 5° anno successivo a quello in cui è presentata la dichiarazione;
¨ si estende al caso della dichiarazione IVA nulla l’allungamento dei termini per l’accertamento previsto attualmente per la mancata dichiarazione; anche in tal caso, dunque, si rende
tempestivo l’accertamento effettuato fino all’ 8° anno successivo a quello di dichiarazione;
¨ viene espunta la norma che raddoppia i termini per l’accertamento dell’IVA e delle imposta sui redditi nel caso di violazione che comporta obbligo di denuncia (D.Lgs.74/2000).
Dette norme si applicano agli avvisi di relativi al periodo d’imposta in corso alla data del 31/12/2016 e ai periodi successivi (quindi, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2017).
6.4.Entrata in vigore riforma sanzioni tributarie (comma 133) È prevista l’anticipazione al 01/01/2016 (rispetto al 2017), del nuovo regime delle sanzioni
tributarie introdotto dal D.Lgs.158/2015, in attuazione della cd Riforma fiscale (L. 23/2014).


Pag. 25
Restano comunque ferme le sanzioni dovute in base alle norme relative alla procedura di collaborazione volontaria vigenti alla data di presentazione della relativa istanza.
6.5.Voluntary disclosure: notifica atti (comma 133)
Ai soli fini della collaborazione volontaria (cd voluntary disclosure), tutti gli atti che per legge devono essere notificati al contribuente, possono esserlo, in deroga ad ogni altra disposizione
di legge, a mezzo posta elettronica certificata, all'indirizzo PEC del professionista che lo assiste nell'ambito della procedura. La notifica si intende comunque “perfezionata” nel momento in
cui il gestore trasmette all'Ufficio la ricevuta di accettazione con la relativa attestazione temporale che certifica l'avvenuta spedizione del messaggio. I termini che hanno inizio dalla
notificazione decorrono dalla data di avvenuta consegna della ricevuta che il gestore del professionista trasmette all'Ufficio. A questi fini, tuttavia, il contribuente deve manifestare la
volontà di ricevere gli atti all'indirizzo PEC del professionista che lo assiste.
6.6. Rateazione debiti tributari (commi 134 - 138)
Si consente ai contribuenti decaduti dal beneficio della rateazione di somme dovute a seguito di accertamenti con adesione, di essere riammessi alla dilazione.
Il beneficio spetta ai contribuenti decaduti nei 36 mesi antecedenti al 15/10/2015; esso è limitato al solo versamento delle imposte dirette ed è condizionato alla ripresa, entro il
31/05/2016, del versamento della prima rata scaduta.
Il contribuente interessato, nei 10 giorni successivi al versamento, trasmette copia della relativa quietanza all’ufficio competente affinché lo stesso proceda alla sospensione dei
carichi eventualmente iscritti a ruolo ancorché rateizzati. Lo stesso ufficio:
¨ ricalcola le rate dovute tenendo conto di tutti i pagamenti effettuati anche a seguito di iscrizione a ruolo, imputandole alle analoghe voci dell’originario piano di rateazione;
¨ verificato il versamento delle rate residue, provvede allo sgravio degli stessi carichi iscritti a ruolo.
Viene chiarito, poi, che non sono ripetibili le somme versate, ove superiori all’ammontare dovuto a seguito del ricalcolo delle rate.
Il debitore decade dal piano di rateazione a cui è stato riammesso in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive. E’ esclusa ogni ulteriore proroga.
Una volta trasmessa la quietanza, è fatto divieto di avvio di nuove azioni esecutive. E’ prevista una specifica disciplina ove la predetta rateazione sia richiesta dopo una
segnalazione ai sensi delle norme sui pagamenti delle PA (art. 48-bis DPR 602/73).
Prima di procedere al pagamento di importi superiori a €.10.000, le PA verificano che il beneficiario sia o meno inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di
una o più cartelle di pagamento per un ammontare pari almeno al predetto importo; in tal caso non si procede al pagamento e il soggetto viene segnalato all’agente della riscossione.

Pag. 26
Ove il richiedente la rateazione sia destinatario di detta segnalazione, essa non può essere concessa limitatamente agli importi oggetto della segnalazione.
6.7. Canone RAI (commi 152-154)
Per il 2016 il canone di abbonamento RAI per uso privato è ridotto a € 100 (anziché € 113,5).
In particolare, la detenzione di un apparecchio si presume nel caso in cui esista una utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza
anagrafica. Allo scopo di superare detta presunzione, a decorrere dal 2016 è ammessa esclusivamente una dichiarazione rilasciata ai sensi del DPR 445/2000 la cui mendacia
comporta effetti, anche penali. Tale dichiarazione è presentata all’Agenzia delle entrate – Direzione provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino I – Sportello S.A.T., con le modalità
definite con provvedimento dalle Entrate, e ha validità per l’anno in cui è stata presentata.
Viene precisato poi che:
¨ il canone è, in ogni caso, dovuto una sola volta per tutti gli apparecchi detenuti o utilizzati nel luogo di residenza o dimora.
¨ per i titolari dell’ utenza elettrica, il pagamento del canone avviene in 10 rate mensili, addebitate sulle fatture emesse dall’impresa fornitrice di energia elettrica. Le rate, ai fini dell’inserimento in
fattura, s’intendono scadute il primo giorno di ciascuno dei mesi da gennaio ad ottobre. L’importo delle rate è oggetto di distinta indicazione nel contesto della fattura emessa dall’impresa elettrica
e non è imponibile ai fini fiscali. Le imprese elettriche devono effettuare il riversamento entro il giorno 20 del mese successivo a quello di incasso e, comunque, l’intero canone va riscosso e
riversato entro il 20/12. Sono esclusi obblighi di anticipazione da parte delle imprese elettriche.
Con apposito decreto, da adottare entro 45 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, saranno definite le modalità attuative del nuovo metodo di pagamento.
6.8. Detassazione premi incremento di produttività (commi 182, 184 -191)
E’ “ripristinato” l’assoggettamento ad imposta sostitutiva pari al 10% delle somme erogate a titolo di premi di produttività o sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa.
Nello specifico viene previsto che, salvo espressa rinuncia scritta da parte del dipendente, le somme erogate a titolo di premi di produttività o sotto forma di partecipazione agli utili
dell’impresa sono assoggettate ad imposta sostitutiva del 10% su un importo massimo complessivo lordo di € 2.000 (tale limite è aumentato a € 2.500 per le aziende che coinvolgono
pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro).
L'agevolazione è valida per i lavoratori dipendenti del settore privato che nel 2015 hanno conseguito un reddito da lavoro dipendente non superiore ad € 50.000.
Inoltre, è previsto che i fringe benefit (art. 51, comma 2 del TUIR) concessi ai dipendenti e i beni ceduti e i servizi prestati se complessivamente di importo non superiore a € 258 annui,

Pag. 27
non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente né sono soggetti alla predetta imposta sostitutiva, anche nel caso in cui gli stessi siano fruiti, per scelta del lavoratore, in
sostituzione (in tutto/parte) delle suddette somme detassate.
Un apposito DM, da emanare entro il 1° marzo 2016, definirà i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, e le modalità
attuative della nuova disposizione.
La Legge di Stabilità 2016 modifica, inoltre, il comma 2 dell’art. 51 del TUIR, per cui non concorrono a formare il reddito di lavoro dipendente:
¨ “l’utilizzazione da parte dei lavoratori e di familiari indicati nell’articolo 12 delle opere e dei servizi erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per le
finalità di cui al comma 1 dell’articolo 100” (spese per educazione, istruzione, assistenza sociale e sanitaria);
¨ “le somme, i servizi e le prestazioni erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione, da parte dei familiari indicati nell'articolo 12, dei servizi di
educazione e istruzione anche in età prescolare, compresi i servizi integrativi e di mensa ad essi connessi, nonché per la frequenza di ludoteche e di centri estivi e invernali e per borse di studio
a favore dei medesimi familiari”;
¨ “le somme e le prestazioni erogate dal datore di lavoro alla generalità dei dipendenti o a categorie di dipendenti per la fruizione dei servizi di assistenza ai familiari anziani o non
autosufficienti indicati nell'articolo 12”
Infine è aggiunto il nuovo comma 3-bis ai sensi del quale:
“L’erogazione di beni, prestazioni, opere e servizi da parte del datore di lavoro può avvenire mediante
documenti di legittimazione, in formato cartaceo o elettronico, riportanti un valore nominale”.
6.9. Aliquota gestione separata INPS (comma 203)
E' confermata nella misura del 27% l’aliquota dei contributi dovuti alla Gestione separata INPS da parte dei lavoratori autonomi privi di altra Cassa previdenziale o non pensionati per il
2016, titolari di partita Iva. Con l’aumento dello 0,72%, l’aliquota contributiva è, quindi, confermata al 27,72%.
6.10.Limite utilizzo del contante (commi 898 - 899)
Nel modificare l'art. 49, comma 1 del D.Lgs. n. 231/2007, si aumenta da € 1.000 a € 3.000 il limite previsto per il trasferimento di denaro contante o libretti di deposito bancari o postali al
portatore o titoli al portatore in euro o in valuta estera. Per il servizio di rimessa (money transfer) la soglia è invece fissata in mille euro.
Viene, inoltre, prevista l’abrogazione delle seguenti disposizioni:
¨ dell’obbligo di pagare i canoni di locazioni di unità abitative con modalità diverse dal contante e che assicurino la tracciabilità (art. 12, comma 1.1, DL n. 201/2011);


Pag. 28
¨ dell’obbligo da parte dei soggetti della filiera dell’autotrasporto di pagare il corrispettivo delle prestazioni di trasporto di merci su strada, utilizzando strumenti elettronici di pagamento, ovvero il
canale bancario, e comunque ogni altro strumento idoneo a garantire la tracciabilità delle operazioni, indipendentemente dall’ammontare dell’importo dovuto (art. 32-bis, co. 4, DL.133/2014).
6.11. Pagamenti elettronici (commi 900 e 901)
Si estende l’obbligo per i commercianti ed i professionisti di accettare pagamenti anche mediante carte di credito, oltre che di debito, tranne nei casi di oggettiva impossibilità
tecnica. Si prevede l’emanazione di un apposito decreto (entro il 1º febbraio 2016), sentita la Banca d’Italia, volto a definire le commissioni interbancarie per le operazioni tramite carta di
debito a uso dei consumatori in conformità alla normativa UE, al fine di promuovere l’utilizzo delle carte anche per i pagamenti di importo “contenuto” (ovvero di importo inferiore a 5 euro).
Con i DM attuativi di quanto previsto dall’art. 15, DL. 179/2015 (in tema di pagamenti elettronici) saranno definite anche le fattispecie costituenti illecito e le relative sanzioni amministrative
pecuniarie. Infine, viene esteso, dal 01/07/2016, l’obbligo di accettare pagamenti elettronici anche con riferimento ai dispositivi di controllo di durata della sosta.
6.12.PREU (comma 918)
Dal 1° gennaio 2016, viene previsto l'aumento del PREU, il Prelievo Erariale Unico sulle slot machines. In particolare:
¨ sugli apparecchi con attivazione mediante introduzione di moneta metallica o con strumenti di pagamento elettronico, il PREU salirà dal 13% al 17,5%;
¨ la percentuale destinata alle vincite (pay-out) è fissata in misura non inferiore al 70%;
¨ sugli apparecchi con attivazione esclusivamente in presenza di un collegamento ad un sistema di elaborazione della rete stessa, il PREU salirà al 5,5% dell’ammontare delle somme giocate.
6.13. Card per acquisti culturali per i giovani (commi 979-980)
A tutti i cittadini italiani o di altri Paesi membri dell’UE che risiedono in Italia, che compiono 18 anni nel 2016, è assegnata una Carta elettronica, dell’importo massimo di 500 euro, che può
essere utilizzata per ingressi a teatro, cinema, musei, mostre e (altri) eventi culturali, spettacoli dal vivo, nonché, per l’acquisto di libri e per l’accesso a monumenti, gallerie e aree
archeologiche e parchi naturali.
6.14.Due per mille per associazioni culturali (comma 985)
Per il 2016 i contribuenti possono destinare il 2 x mille dell’IRPEF a favore di una associazione culturale iscritta in un elenco appositamente istituito presso la Presidenza del Consiglio.
I requisiti ed i criteri per l’iscrizione delle associazioni nell’elenco, le cause e le modalità di revoca o di decadenza, nonché i criteri e le modalità per il riparto sono stabiliti con D.P.C.M.


Pag. 29
La scelta è effettuata in sede di dichiarazione dei redditi: i contribuenti esonerati dall’obbligo di presentazione della stessa dichiarazione, utilizzano un’apposita scheda approvata
dall’Agenzia delle entrate e allegata ai modelli di dichiarazione.
6.15. IVIE – esenzione prima casa (comma 16)
Nel modificare l’art. 19 comma 15 del DL 201/2011 si dispone la non applicazione dell'IVIE per gli immobili posseduti all'estero, adibiti ad abitazione principale (escluse le abitazioni c.d. di
lusso, ossia di categoria catastale A/1, A/8 e A/9), comprese le relative pertinenze e la casa coniugale assegnata al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento,
 scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.
6.16.Rendita catastale immobili a destinazione speciale (comma 21)
Sono previste alcune novità nelle modalità di determinazione della rendita catastale dei  fabbricati ad uso produttivo nei quali sono incorporati gli impianti funzionali all'attività di
produzione (cd. "imbullonati"), allo scopo di ridurre il carico dei relativi tributi comunali. Nuova rendita catastale degli immobili "D" ed "E"
A decorrere dal 2016, la determinazione della rendita catastale dei fabbricati a destinazione “speciale e particolare” (immobili classificabili nelle categorie D e E), è effettuata (tramite stima
diretta) tenendo conto “del suolo e delle costruzioni, nonché degli elementi ad essi strutturalmente connessi che ne accrescono la qualità e l’utilità, nei limiti dell’ordinario
apprezzamento”. Tuttavia, sono esclusi dalla medesima stima diretta: i macchinari, i congegni, le attrezzature, gli altri impianti, funzionali allo specifico processo produttivo.
Ne consegue che non risultano più assoggettati ad IMU gli impianti/macchinari “imbullonati”. Fabbricati già censiti nei gruppi "D" ed "E"
Per i fabbricati già censiti nei gruppi catastali D ed E (opifici, alberghi, teatri, stazioni per servizi di trasporto), i soggetti interessati potranno presentare, a decorrere dal 01/01/2016, gli atti di
aggiornamento ai fini della rideterminazione della rendita catastale, (procedura DOCFA), in base a dette nuove modalità.
Per espressa disposizione ne discende che la rendita "proposta" avrà effetto:
¨ retroattivo dal 2016, se l'atto di aggiornamento è presentato entro il 15/06/2016;
¨ innovativo dal 2017, se l'atto di aggiornamento sarà presentato dopo il 15/06/2016.
L'Agenzia delle Entrate -Territorio ha tempo fino al 30/09/2016 per comunicare al MEF, con riferimento agli atti di aggiornamento ricevuti, i dati relativi - per ciascuna unità
immobiliare alle rendite "proposte" e a quelle già iscritte in catasto al 01/01/2016.


Pag. 30
6.17.Acquisto prima casa prima di aver alienato l'abitazione (comma 55)
E’ consentito godere dell’agevolazione prima casa sul nuovo acquisto, laddove il contribuente venda l’immobile precedentemente acquistato con il bonus entro 1 anno dal
nuovo acquisto. In pratica, la nuova disposizione dà al contribuenti un anno di tempo per vendere la “vecchia” prima casa, dopo l’acquisto agevolato della “nuova” prima casa.
Ove l’abitazione precedentemente acquistata non venga alienata entro un anno dall’ acquisto della nuova abitazione, si decade dall’agevolazione, con il conseguente obbligo di
corrispondere l’imposta in misura ordinaria, oltre alle sanzioni e agli interessi.
In tal caso, l’imposta di registro sarà da applicare con l’aliquota pari al 2% (comma 4-bis nota II-bis all’art. 1 Tariffa all. TUR).
Sebbene la nuova norma contenga il riferimento alla sola imposta di registro e non all’IVA, si ritiene che il rinvio espresso, contenuto nel n. 21 della Tabella A, parte II, allegata al DPR
633/72, alla nota II-bis, consenta di estendere la novità anche in campo IVA.
Ulteriori disposizioni riguardano le altre condizioni per l’accesso al beneficio prima casa.
Si ricorda, infatti, che, oltre al requisito di non possedere altre abitazioni acquistate con l’agevolazione (lett. c) nota II-bis) le lettere a) e b) della medesima nota richiedono che:
¨ l’acquirente (trascurando le ipotesi in cui egli sia trasferito o emigrato all’estero) abbia trasferito la  propria residenza nel Comune in cui si trova l’immobile agevolato o si impegni a trasferirvela entro
18 mesi, ovvero svolga la propria attività nel Comune in cui si trova l’immobile agevolato;
¨ l’acquirente non sia titolare di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione, su altra casa di abitazione sita nel Comune in cui si trova l’immobile che intende acquistare con l’agevolazione.
Secondo la “nuova” norma, nel caso in cui l’agevolazione riguardi l’acquisto della nuova prima casa, pur nell’attesa che entro l’anno venga alienata la “vecchia” prima casa, le
suddette condizioni devono essere verificate “senza tener conto dell’immobile acquistato con le agevolazioni”. Pertanto, in tal caso, i requisiti agevolativi devono essere valutati
considerando solo la “nuova” e non la vecchia prima casa, di cui i contribuenti si dovranno disfare entro 1 anno dal nuovo acquisto.
6.18.Aliquote INPS gestione separata
La legge di stabilità 2016 ha disposto il blocco degli aumenti, già decisi dall’articolo 1, comma 79 della legge 247/07, per i soli lavoratori autonomi titolari di partita Iva, iscritti in via
esclusiva alla gestione stessa e tenuti al pagamento dell’aliquota contributiva in misura piena. Lo stop all’aumento non tocca, invece, le altre categorie di lavoratori per cui vige l’obbligo
di iscrizione alla Gestione separata: sale così di un punto l’aliquota pensionistica nei confronti


Pag. 31
degli iscritti alla gestione non titolari di posizione fiscale ai fini Iva quali i collaboratori coordinati e continuativi (amministratori, procuratori e co.co.co).
Dal primo gennaio 2016 le aliquote sono quindi:
Aliquota ordinaria 31% + 0,72%
Aliquota ridotta (per pensionati e per iscritti ad altre gestioni) 24%
6.19.Proroga sgravi contributi per assunzioni a tempo indeterminato
Viene riproposto, in musira ridotta, l’esonero contributivo per le assunzioni di personale a tempo indeterminato effettuato nel corso del 2016.
Lo sgravio non sarà totale ma verrà riconosciuto nella misura massima del 40% degli oneri previdenziali dovuti dall’azienda e, comunque, sino a 3.250 euro annui.
E’ stata ridotta anche la durata del periodo agevolato che viene fissata in due anni (erano tre in precedenza). Mantenuta, invece, l’esclusione dal beneficio per i premi Inail.
Riguardo alle tipologie di lavoratori la cui assunzione può assicurare il riconoscimento della misura incentivante, non si ravvisano novità. Ne deriva che dovrebbero valere i medesimi
criteri già utilizzati nella regolamentazione dell’Inps per l’esonero riferito al 2015.
*.*.*.







 HOME PAGE 



MMBDATA srl, Via A. Gramsci 11, 20851 Lissone (MB) 

COMMERCIALISTI LISSONE



commercialista lissone